logo-sito

slide-27 slide-20 slide-21 slide-22 slide-23 slide-24 slide-25 slide-26 slide-28 slide-29 slide-30 slider-31 slide-32
slide-21.jpg

La conchiglia tra leggenda mito e magia

La conchiglia fra mito e leggendaPubblichiamo il libro di Luigi e Gabriella Bruno La conchiglia tra leggenda  mito e magia. Il lavoro rivolge l'attenzione alla conchiglia trattata come importante punto di riferimento nella leggenda, nel mito e nella magia.
Una esplorazione in ambienti del tutto particolari, saturi, in alcuni casi, di notizie così eterogenee da sembrare che scaturiscano da invenzioni” piuttosto che dalla realtà di tanti popoli.

Premessa

La continua ricerca di notizie che riguardano la conchiglia ci ha indotto ad invadere un mondo che riguarda alcune delle parti delle conoscenze umane partendo dalla leggenda per arrivare al mito, alla magia ed a ciò che la conchiglia rappresenta sia in una funzione apotropaica sia per la protezione dell'uomo di fronte a situazioni inspiegabili, in particolare modo nei territori sottosviluppati ed in territori in cui alcuni culti hanno riconosciuto l'uso della conchiglia a protezione della vita di ogni giorno.
Alcune “stranezze” rilevate in tali ambiti ci hanno consentito di tentare di sviscerare tali materie per raccogliere notizie e fatti che quasi sempre si trovano al di fuori della portata dell'uomo comune. Dalle leggende “si trae la misura con la quale le conchiglie sono state trattate con delicatezza per riportare il rapporto del vivere umano con le conchiglie in un mondo quasi incantato”. Per il mito ha giocato molto la “ narrazione investita di sacralità relativa alle origini del mondo o alle modalità con cui il mondo stesso e le creature viventi hanno raggiunto la forma presente in un certo contesto socio culturale o in un popolo specifico”.
Con la magia “si indica una ipotetica tecnica che si prefigge lo scopo di influenzare gli eventi e di dominare con la volontà i fenomeni fisici e l'essere umano, a tale fine può servirsi di gesti, atti e formule verbali o di rituali appropriati”. Un compito arduo, questo, che ha consentito di elaborare il presente lavoro. Perciò “Non esiste religione senza magia, come non esiste magia che non contenga almeno un briciolo di religione" afferma Lévi-Strauss.

Ma quale è il ruolo specifico della magia in una società per certi versi particolare come quella degli attuali indios? A nostro parere resta valida l'interpretazione funzionalista che vede nella magia un modo per vincere l'angoscia dell' uomo verso l'ignoto e nel mago un personaggio che 10 riequilibra conflitti di varia provenienza e ristabilisce una reciprocità tra uomo e ambiente, temporaneamente interrotta: ma bisogna andare più in là e vedere la persistenza dei culti e delle pratiche tradizionali come espressioni autenticamente indigene, con cui l'uomo riesce a conoscere se stesso, a misurare le sue possibilità nei confronti del mondo fisico e della cultura in cui agisce e con cui conserva e tramanda determinate etiche e modelli di comportamento, fondamentali per la sopravvivenza della cultura del gruppo. Mac-Lean y Estenos riconosce appunto nella magia una necessità sociale fra i peruviani della sierra”. (Claudio Cavatrunci) Luigi Bruno and Gabriella Bruno

pdf LA conchiglia tra_leggenda_Mito e Magia 6.28 Mb

 

La conchiglia tra leggenda mito e magia

La conchiglia fra mito e leggendaPubblichiamo il libro di Luigi e Gabriella Bruno La conchiglia tra leggenda  mito e magia. Il lavoro rivolge l'attenzione alla conchiglia trattata come importante punto di riferimento nella leggenda, nel mito e nella magia.
Una esplorazione in ambienti del tutto particolari, saturi, in alcuni casi, di notizie così eterogenee da sembrare che scaturiscano da invenzioni” piuttosto che dalla realtà di tanti popoli.

Premessa

La continua ricerca di notizie che riguardano la conchiglia ci ha indotto ad invadere un mondo che riguarda alcune delle parti delle conoscenze umane partendo dalla leggenda per arrivare al mito, alla magia ed a ciò che la conchiglia rappresenta sia in una funzione apotropaica sia per la protezione dell'uomo di fronte a situazioni inspiegabili, in particolare modo nei territori sottosviluppati ed in territori in cui alcuni culti hanno riconosciuto l'uso della conchiglia a protezione della vita di ogni giorno.
Alcune “stranezze” rilevate in tali ambiti ci hanno consentito di tentare di sviscerare tali materie per raccogliere notizie e fatti che quasi sempre si trovano al di fuori della portata dell'uomo comune. Dalle leggende “si trae la misura con la quale le conchiglie sono state trattate con delicatezza per riportare il rapporto del vivere umano con le conchiglie in un mondo quasi incantato”. Per il mito ha giocato molto la “ narrazione investita di sacralità relativa alle origini del mondo o alle modalità con cui il mondo stesso e le creature viventi hanno raggiunto la forma presente in un certo contesto socio culturale o in un popolo specifico”.
Con la magia “si indica una ipotetica tecnica che si prefigge lo scopo di influenzare gli eventi e di dominare con la volontà i fenomeni fisici e l'essere umano, a tale fine può servirsi di gesti, atti e formule verbali o di rituali appropriati”. Un compito arduo, questo, che ha consentito di elaborare il presente lavoro. Perciò “Non esiste religione senza magia, come non esiste magia che non contenga almeno un briciolo di religione" afferma Lévi-Strauss.

Ma quale è il ruolo specifico della magia in una società per certi versi particolare come quella degli attuali indios? A nostro parere resta valida l'interpretazione funzionalista che vede nella magia un modo per vincere l'angoscia dell' uomo verso l'ignoto e nel mago un personaggio che 10 riequilibra conflitti di varia provenienza e ristabilisce una reciprocità tra uomo e ambiente, temporaneamente interrotta: ma bisogna andare più in là e vedere la persistenza dei culti e delle pratiche tradizionali come espressioni autenticamente indigene, con cui l'uomo riesce a conoscere se stesso, a misurare le sue possibilità nei confronti del mondo fisico e della cultura in cui agisce e con cui conserva e tramanda determinate etiche e modelli di comportamento, fondamentali per la sopravvivenza della cultura del gruppo. Mac-Lean y Estenos riconosce appunto nella magia una necessità sociale fra i peruviani della sierra”. (Claudio Cavatrunci) Luigi Bruno and Gabriella Bruno

pdf LA conchiglia tra_leggenda_Mito e Magia 6.28 Mb

 

Appello

Possiedi foto, quadri, filmati, documenti o ricordi che riguardano la Colombaia?
Contatta il Luigi Bruno - Presidente dell'Associazione Salviamo la Colombaia - Cell. 339/8002539
oppure invia una segnazione tramite mail dalla pagina dei contatti sul nostro sito.