logo-sito

slide-27 slide-20 slide-21 slide-22 slide-23 slide-24 slide-25 slide-26 slide-28 slide-29 slide-30 slider-31 slide-32
slide-21.jpg

A tutela et defensa di quisto regno. Vicende inedite delle fortificazioni cittadine trapanesi

A tutela et defensa di quisto regno. Vicende inedite delle fortificazioni cittadine trapanesiSegnaliamo l’uscita di una recente pubblicazione, il libro dell’Architetto Alessandro Gaeta “A tutela et defensa di quisto regno”.
Un interessantissimo saggio storico sull'architettura militare - scaturito dopo anni di studio negli archivi siciliani, e dall’analisi e la ricognizione dei siti fortificati - incentrato per buona parte dell'opera sulle vicende (inedite) delle fortificazioni cittadine trapanesi, sulla costruzione del Castello di Terra e della Torre della Colombaia (colombara) nella seconda metà del Quattrocento.

Il testo mette in luce la seria e programmatica attività di spinta alle fortificazioni civiche attuate dal senato di Trapani allo scoppiare del pericolo turco nel Mediterraneo (dopo la caduta di Costantinopoli nel 1453) e in epoca successiva e contestuale alla calata di Carlo VIII di Francia per resistere ad una paventata invasione delle truppe transalpine nel suolo siciliano.

Ferdinando il cattolico ordinerà nel 1480 di fortificare tutte le più importanti città demaniali della corona con sbocco sul mare inviando allo scopo il suo ingegnere militare (il maestro mayor della regia artiglieria) Baldiri Meteli de Methelin che rimarrà in Sicilia venti anni, a fasi alterne, fino al 1505, quando lascerà definitivamente l'isola dopo avere partecipato personalmente alla redazione (e direzione operativa) dei progetti fortificatori dei principali castelli delle città costiere e delle mura civiche: Palermo, Trapani, Catania, Siracusa, Messina, Milazzo.
Nel 1499 a Trapani attuerà in particolare un raffinato progetto difensivo per la torre della Colombara realizzando due baluartes sui fronti minori che sono in piedi ancora oggi, oltre al rafforzamento dei muri perimetrali. Trapani sarà fortificata per volere della corona e impegno dei cittadini ..nel nome di Bartolomeo Morana, del tesoriere della città Francesco Fardella, dei deputati Riccardo De Sigerio e altri.

I documenti inediti, desunti dagli archivi si stato di Trapani el Palermo, rendono testimonianza di questa incessante attività che rende conto della creazione del primo fronte bastionato con la porta nuova al centro della cortina occidentale, dal Castello di terra alla torre e bastione di lu Palo, ove poi sarà il bastione dell'Impossibile... della costruzione dell'ampliamento del nucleo federiciano del Castello di Terra per volere del castellano Joanni Ribesaltes e del vicere de Acuna. Il volume documenta anche dell'attività dei cantieri, mettendo in luce per la prima volta l'attività del capomastro delle fabbriche civiche, Nicolò la Ficara, impegnato attivamente nei cantieri cittadini al servizio del senato, del secreto Palmeri Homodeo, del castellano del castello di terra Joanni Metge prima e di Joanni Ribesaltes poi....del capitano Pedro Lazaro inviato a Trapani nel 1499 per sovrintendere alle fabbriche civiche, insieme ad un altro nutrito stuolo di fabbricatori (fin oggi sconosciuti).
E’ un'opera pregna di notizie inedite che testimoniano dell'impegno materiale e umano dei cittadini trapanesi nella seconda metà del Quattrocento.
Altre info sul libro sul sito qanat.it

A tutela et defensa di quisto regno. Vicende inedite delle fortificazioni cittadine trapanesi

A tutela et defensa di quisto regno. Vicende inedite delle fortificazioni cittadine trapanesiSegnaliamo l’uscita di una recente pubblicazione, il libro dell’Architetto Alessandro Gaeta “A tutela et defensa di quisto regno”.
Un interessantissimo saggio storico sull'architettura militare - scaturito dopo anni di studio negli archivi siciliani, e dall’analisi e la ricognizione dei siti fortificati - incentrato per buona parte dell'opera sulle vicende (inedite) delle fortificazioni cittadine trapanesi, sulla costruzione del Castello di Terra e della Torre della Colombaia (colombara) nella seconda metà del Quattrocento.

Il testo mette in luce la seria e programmatica attività di spinta alle fortificazioni civiche attuate dal senato di Trapani allo scoppiare del pericolo turco nel Mediterraneo (dopo la caduta di Costantinopoli nel 1453) e in epoca successiva e contestuale alla calata di Carlo VIII di Francia per resistere ad una paventata invasione delle truppe transalpine nel suolo siciliano.

Ferdinando il cattolico ordinerà nel 1480 di fortificare tutte le più importanti città demaniali della corona con sbocco sul mare inviando allo scopo il suo ingegnere militare (il maestro mayor della regia artiglieria) Baldiri Meteli de Methelin che rimarrà in Sicilia venti anni, a fasi alterne, fino al 1505, quando lascerà definitivamente l'isola dopo avere partecipato personalmente alla redazione (e direzione operativa) dei progetti fortificatori dei principali castelli delle città costiere e delle mura civiche: Palermo, Trapani, Catania, Siracusa, Messina, Milazzo.
Nel 1499 a Trapani attuerà in particolare un raffinato progetto difensivo per la torre della Colombara realizzando due baluartes sui fronti minori che sono in piedi ancora oggi, oltre al rafforzamento dei muri perimetrali. Trapani sarà fortificata per volere della corona e impegno dei cittadini ..nel nome di Bartolomeo Morana, del tesoriere della città Francesco Fardella, dei deputati Riccardo De Sigerio e altri.

I documenti inediti, desunti dagli archivi si stato di Trapani el Palermo, rendono testimonianza di questa incessante attività che rende conto della creazione del primo fronte bastionato con la porta nuova al centro della cortina occidentale, dal Castello di terra alla torre e bastione di lu Palo, ove poi sarà il bastione dell'Impossibile... della costruzione dell'ampliamento del nucleo federiciano del Castello di Terra per volere del castellano Joanni Ribesaltes e del vicere de Acuna. Il volume documenta anche dell'attività dei cantieri, mettendo in luce per la prima volta l'attività del capomastro delle fabbriche civiche, Nicolò la Ficara, impegnato attivamente nei cantieri cittadini al servizio del senato, del secreto Palmeri Homodeo, del castellano del castello di terra Joanni Metge prima e di Joanni Ribesaltes poi....del capitano Pedro Lazaro inviato a Trapani nel 1499 per sovrintendere alle fabbriche civiche, insieme ad un altro nutrito stuolo di fabbricatori (fin oggi sconosciuti).
E’ un'opera pregna di notizie inedite che testimoniano dell'impegno materiale e umano dei cittadini trapanesi nella seconda metà del Quattrocento.
Altre info sul libro sul sito qanat.it

Appello

Possiedi foto, quadri, filmati, documenti o ricordi che riguardano la Colombaia?
Contatta il Luigi Bruno - Presidente dell'Associazione Salviamo la Colombaia - Cell. 339/8002539
oppure invia una segnazione tramite mail dalla pagina dei contatti sul nostro sito.